Patent Box

Le aziende che utilizzano nell’esercizio della loro attività beni immateriali rientranti nella c.d. proprietà intellettuale (brevetti industriali, disegni e modelli, software protetti da copyright, processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili) possono incrementare la loro redditività grazie alla detassazione (fino al 50%) dei redditi riconducibili a tali beni.

Le novità introdotte dall’articolo 4 del D.L. 34/2019 (“Decreto Crescita”) hanno significativamente semplificato le modalità di accesso, eliminando la fase di istruttoria preventiva con l’Agenzia delle Entrate (cd. Ruling) che, viste le attese di anni, ha precluso la piena operatività dell’agevolazione.

Dall’esercizio 2019 è possibile beneficiare dell’agevolazione determinando e dichiarando direttamente il reddito agevolabile.

A tal fine le aziende devono predisporre un apposito dossier documentale completo di tutte le informazioni indicate dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 30 luglio 2019.

La completezza documentale del dossier riveste particolare importanza in quanto esclude l’applicabilità di sanzioni nel caso in cui, a seguito di eventuale richiesta di informazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate quest’ultima valuti in misura diversa l’agevolazione spettante.

Assistiamo anche aziende che hanno già presentato istanza di Ruling (per esercizi passati) nel contraddittorio con l’Agenzia delle Entrate o per le quali sia in corso una verifica.

Scarica il documento completo

Incrementa il valore del
patrimonio intellettuale

Compila il modulo per ricevere informazioni