PIANO DI TRANSIZIONE 4.0

Piano di Transizione 4.0

Il piano Transizione 4.0, approvato con la Legge di Bilancio 2020, si pone come obiettivo l’ampliamento della platea delle imprese beneficiarie – stimato potenzialmente nella misura del 40% – attraverso una serie di interventi in favore delle PMI.

Le principali azioni previste sono:

  • credito di imposta per investimenti in beni strumentali
  • credito di imposta per ricerca, sviluppo, innovazione e design
  • credito di imposta Formazione 4.0

Confermato inoltre per il 2020 il credito di imposta per l’acquisto di beni strumentali delle imprese del sud Italia.

Di seguito una breve sintesi degli interventi.

 

Modifica del super ammortamento dei beni materiali in credito di imposta

In luogo del super ammortamento in vigore sino al 2019, è stato introdotto un credito di imposta pari al 6% del prezzo di acquisto, con utilizzo ripartito in 5 esercizi in quote costanti.

Previsto un tetto massimo annuale di investimento di 2 milioni di euro.

 

Modifica dell’iper ammortamento dei beni materiali ed immateriali in credito di imposta

 

Beni materiali

Per l’acquisto dei beni elencati nell’allegato A della legge n. 232/2016, in luogo dell’iper ammortamento in vigore sino al 2019, è stato introdotto un credito di imposta pari al 40% del prezzo di acquisto per investimenti sino a 2,5 milioni di euro, e del 20% per la parte eccedente sino a 10 milioni di euro.

L’utilizzo è ripartito in 5 esercizi in quote costanti.

Requisito per accedere al beneficio è l’interconnessione dei beni al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura, da asseverare con perizia o certificato di conformità se il bene è di valore superiore ai 300.000 euro.

 

Beni immateriali

Per l’acquisto dei beni elencati nell’allegato B della legge n. 232/2016, in luogo dell’iper ammortamento in vigore sino al 2019, è stato introdotto un credito di imposta pari al 15% del prezzo di acquisto, con utilizzo ripartito in 3 esercizi in quote costanti.

Previsto un tetto massimo annuale di investimento di 700 mila euro.

Requisito per accedere al beneficio è l’interconnessione dei beni al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura, da asseverare con perizia o certificato di conformità se il bene è di valore superiore ai 300.000 euro.

 

Nuovo credito di imposta sulle spese in R&S, innovazione e design

Il credito di imposta per R&S in vigore sino al 2019 è stato esteso agli investimenti in “innovazione” e “design”.

È stato inoltre modificato il metodo di calcolo, non più incrementale rispetto al valore medio del triennio 2020–2014, ma ora volumetrico, da effettuare dunque sull’investimento effettuato annualmente, senza alcun confronto con gli esercizi passati.

Le intensità di aiuto previste, nei limiti di investimento annuo indicato per singola tipologia di spesa, sono:

  • 12% per ricerca e sviluppo, fino a 3 milioni di euro
  • 10% per progetti green e di trasformazione digitale 4.0, fino a 1,5 milioni di euro
  • 6% per innovazione, fino a 1,5 milioni di euro
  • 6% per design fino a 1,5 milioni di euro

 

Il credito di imposta può essere utilizzato in tre quote annuali costanti.

Credito d’imposta formazione 4.0

Per le spese di formazione su tematiche 4.0 è stato eliminato, come adempimento necessario, la stipula e il deposito dell’accordo sindacale.

Le misure del credito di imposta, da calcolare sui costi del personale impegnato nella formazione e dei formatori, se interni, sono pari al:

  • 50%, fino a € 300.000, per la piccola impresa
  • 40%, fino a € 250.000, per la media impresa
  • 30%, fino a € 250.000, per la grande impresa

 

Credito d’imposta R&S per acquisto beni strumentali al Sud

Per le strutture produttive con sede in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna, per gli investimenti in beni strumentali nuovi relativi all’apertura di un nuovo stabilimento, all’ampliamento o a alla diversificazione della produzione, è stato prorogato il credito di imposta  per il 2020 nelle seguenti misure:

  • 45% per le piccole imprese
  • 35% per le medie imprese
  • 25% per le grandi imprese

Per le strutture ubicate in Abruzzo e Molise, invece, le misure sono:

  • 30% per le piccole imprese
  • 20% per le medie imprese
  • 10% per le grandi imprese.

 

Il nostro Team Innovazione 4.0 supporta le imprese in tutte le attività necessarie per la fruizione dei benefici sopra indicati.

 

Richiedi un incontro per una valutazione preliminare gratuita