Piano Transizione 4.0: incremento aliquota R&S anche per Lazio, Marche e Umbria

Transizione 4.0 abbiamo formato un team dedicato al 4.0

La legge 17 luglio 2020 n. 77, di conversione del Decreto Legge 34/2020 (Decreto Rilancio), ha modificato l’art. 244 ampliando la platea delle regioni che possono usufruire delle aliquote maggiorate del Credito di Imposta per Ricerca e Sviluppo rispetto a quelle previste dal Piano Transizione 4.0 (art. 1, comma 200, Legge n. 160/2019).

Oltre alle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia), dunque, per il 2020, per il Lazio, le Marche e l’Umbria sono previste le seguenti aliquote:

  • per le piccole imprese (che occupano meno di 50 persone e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro) dal 12 al 45 percento;
  • per le medie imprese (che occupano almeno 50 persone e realizzano un fatturato annuo di almeno 10 milioni di euro), dal 12 al 35 percento;
  • per le grandi imprese (che occupano almeno 250 persone, il cui fatturato annuo è almeno pari a 50 milioni di euro oppure il cui totale di bilancio è almeno pari a 43 milioni di euro), dal 12 al 25 percento.

Le spese agevolabili, effettuate per attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, rientrano in una o più delle seguenti categorie:

  1. spese del personale
  2. strumentazioni e attrezzature
  3. costi per ricerca contrattuale
  4. costi per consulenze e servizi equivalenti
  5. spese per brevetti ed altre privative industriali
  6. spese per materiali e forniture impiegati nei progetti di R&S (anche per prototipi)

Nell’ambito della progettualità legata alla pianificazione delle attività per il rilancio, è un’opportunità da non trascurare.

Per Informazioni, Consulenze e Supporto, Bottari & Associati è operativo su tutto il territorio nazionale.

Compila il form o contattaci per un primo incontro preliminare.