Cessione crediti di imposta relativi ad interventi edilizi: responsabilità e profili sanzionatori in caso di crediti illegittimi

21 Dicembre 2021
Cessione crediti di imposta relativi ad interventi edilizi: responsabilità e profili sanzionatori in caso di crediti illegittimi

Con il Decreto Antifrode n. 157/2021, il Governo ha introdotto diverse misure finalizzate a contrastare l’utilizzo di crediti illegittimi connessi ad interventi edilizi.

Tra queste:

  • l’introduzione dell’obbligo del “visto di conformità” per tutti i lavori che danno diritto alle agevolazioni in parola;
  • il rafforzamento dei controlli preventivi da parte dell’Agenzia delle Entrate;
  • il controllo incondizionato di tutti i crediti, inclusi quelli già concessi, relativi alle cessioni risultate connotate da profili di rischio;
  • il divieto di acquisizione dei crediti da parte di tutti i soggetti sottoposti agli obblighi in materia di antiriciclaggio, in tutte le ipotesi in cui ricorra l’obbligo di esecuzione di una segnalazione per operazioni sospette o nei casi di mancata adeguata verifica della clientela per impossibilità oggettiva.

Sotto il profilo amministrativo, l’indebita fruizione del credito d’imposta comporta una sanzione differente a seconda che si tratti di credito non spettante o di credito inesistente. Ricordiamo che per crediti non spettanti si intendono quei crediti che rientrano nelle fattispecie previste dalla legge, ma che non competono per mancanza di requisiti. I crediti inesistenti sono, invece, privi del presupposto necessario per la loro insorgenza, quindi vengono indicati dal contribuente in maniera fraudolenta, o comunque in base ad una rappresentazione falsa della realtà.

Il risultato, in entrambi i casi, è che il beneficio non compete e va dunque recuperato. Il regime sanzionatorio della compensazione indebita è molto più severo nel caso di crediti inesistenti, in ragione della loro maggiore gravità e della difficoltà di farli emergere nelle ordinarie attività di liquidazioni e controllo sui modelli F24 in cui vengono esposti e sulle dichiarazioni presentate.

Le sanzioni amministrative per l’utilizzo in compensazione di crediti inesistenti vanno dal 100% al 200% dell’importo del credito utilizzato. L’utilizzo in compensazione di un credito non spettante comporta invece una sanzione del 30%.

Inoltre, per l’accertamento dei crediti inesistenti l’Amministrazione finanziaria ha a disposizione un termine raddoppiato rispetto a quello ordinario: la notifica dell’atto di accertamento e recupero del credito può avvenire entro il 31 dicembre dell’ottavo anno successivo a quello in cui il credito è stato indicato dal contribuente.

Dal punto di vista penale, il reato di indebita compensazione si configura quando il contribuente non versa l’imposta dovuta operando una compensazione con crediti d’imposta inesistenti o non spettanti per un importo annuo superiore a 50 mila euro, e comporta, nel caso di crediti inesistenti, una pena detentiva da un anno e sei mesi a sei anni di reclusione. Per i crediti non spettanti è prevista la reclusione da sei mesi a due anni.

Nel caso di cessione dei predetti crediti – pratica ormai divenuta abituale rispetto ai fornitori dei materiali ad esempio – i cessionari dei crediti rispondono solo per l’eventuale utilizzo del credito d’imposta in modo irregolare o in misura maggiore rispetto a quello ricevuto.

Il recupero fiscale invece è eseguito nei confronti del soggetto originariamente beneficiario dell’agevolazione e, solo in presenza di concorso nella violazione, viene esteso anche nei riguardi dei cessionari del credito.

Per informazioni e consulenze sui Crediti di Imposta puoi contattare Bottari & Associati, operativo su tutto il territorio nazionale. Contattaci per un incontro preliminare.